lunedì 7 gennaio 2013

I LOVE MADE IN ITALY...



Il  Made in Italy è considerato, nel mondo sinonimo di grande qualità. Il secondo fattore importante è dato dal fatto che il logo Made in Italy e' il terzo marchio più famoso del mondo dopo VISA e Coca Cola .
Fabbriche, laboratori artigiani, aziende di tutti i tipi sono parte concreta della vita quotidiana di tutti noi e del territorio a cui apparteniamo. Il  Made in Italy siamo noi con le nostre famiglie ed i nostri amici, tutto il territorio che ci circonda con le sue storie e i suoi fatti quotidiani.


 Gattinoni 2011
     La concorrenza sleale, non solo cinese, danneggia il made in Italy in un momento in cui invece la nostra         economia ha bisogno di attenzioni e di salvagenti.

 ..L’unica arma per sconfiggere l’omologazione è la qualita'del prodotto, unito ad un immagine e ad una comunicazione credibile,  il Made in Italy si è sempre distinto per l’eleganza, la ricerca e la cura impiegati e per l’unicità del capo, e per la creativita' che lo contraddistingue da sempre.
Brunello Cuccinelli Cachemire 100% made in Italy


 Torino-Venaria-  Mostra dei 150 anni  della moda Italiana


  Ma  se la moda made in Italy resiste ai colpi della crisi è soprattutto  grazie all'export.
  Una recente pubblicazione sulle principali società italiane ,  mostra i numeri in crescita del settore
moda italiano. Nella top 10 delle migliori performance, al primo posto si assesta il Gruppo Prada, con ricavi nel 2011 pari a 2.556 milioni di euro e un utile sui ricavi del 16,9%


     Benetton e' al secondo posto con ricavi pari a 2.032 milioni di euro e un utile sui ricavi di +3,6%
 

                     Giorgio Armani  si colloca al  terzo con 1.804 milioni di euro e +10,1% di utile.



  
 Mentre al quarto posto troviamo la Holding Only the Brave  che fà capo a Renzo Rosso, patron del marchio Diesel, che ha recentemente inglobato i brand: Victor & Rolf, Diesel, Staff International e Maison Martin Margiela e recentemente anche una quota di maggioranza del  prestigioso marchio italiano Marni.
 

   Calzedonia invece si trova al  5° posto della classifica stilata da MedioBanca, Max Mara al 6°, Zegna
   al 7°, D&G all'8°  e il gruppo Miroglio al  9° posto.  
 E le sorprese non sono finite! Bottega Veneta, brand  di proprietà di PPR, per esempio, ha visto il suo   business crescere del 50,2% nel secondo trimestre 2012 rispetto allo stesso periodo del 2011, registrando un aumento nelle vendite in tutti i mercati di riferimento e non solo in quelli in grande sviluppo come Cina, Russia e Medio Oriente.
 


Stessa performance anche per Salvatore Ferragamo, al 10° posto nella classifica di Mediobanca, che è stabile a 979 milioni di euro con un utile sui ricavi del 26,6%).


Anche se l'export e' una tappa quasi obbligata  per superare la crisi, la dimensione internazionale resta un miraggio per il tessuto di piccole e micro imprese della moda italiana, destinate a chiudere nei prossimi anni.
  Calzature realizzate a mano da un artigiano Italiano.

Ogni giorno assisto alla nascita di nuovi blog e a volte mi capita di  confrontarli  tra loro cercando le differenze,cercando qualche cosa di nuovo, di diverso,  in molti casi ne esco un po' delusa, le stesse idee, gli stessi marchi  low coast o iper griffati, gli stessi  pensieri, replicati con poche variazioni. Mi chiedo: ma è così che alcune blogger vedono la moda? Come qualcosa di sterile e replicabile, come un semplice strumento di visibilità, come uno status symbol? Decisamente triste! Non sono contro la globalizzazione, ma  credo che ogni terra abbia un qualcosa che la renda unica .L’Italia è un paese di storia e cultura … non dimentichiamo il nostro passato: è la nostra identità, valorizziamo anche la nicchia del made in italy, le piccole aziende artigianali, i giovani creativi , le nuove idee..non omologhiamoci ! Un bacio a tutte..








 Ambra .


























               




































68 commenti:

  1. Il problema secondo me nasce anche a monte cioe sui costi di alcuni marchi made in italy che li rendono accessibili a pochi e gli altri cn davanti scelte sempre piu omologate.
    Sta anche a noi variegare la richiesta per un'offerta piu varia certo.
    Io sn sempre alla ricercq di negozi particolari,ma nn e' facile trovarne
    Post interessantissimo cmq.

    RispondiElimina
  2. Bellissimo questo post!!! La prima foto è carinissima!!!
    Kisses
    Francy&Stef
    chicwiththeleast.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  3. Mi spiace se ti ho dato questa impressione quando hai visitato il mio blog, sono la prima ad ammettere che purtroppo il mio guardaroba non ha una buona percentuale di made in Italy...ma dovendomi "arrangiare"con scarsi mezzi punto sempre a proporre DIYs e Looks For Less con capi che, ovviamente vincano il confronto del prezzo, e quindi quasi mai si parla di eccellenza italiana.
    Mi spiace, avessi i mezzi mi piacerebbe proporre capi più NOSTRI, ma purtroppo c'é da dire che quando si parla di Made in Italy i prezzi s'impennano e non voglio certo proporre a chi mi legge qualcosa che io in prima persona non potrei acquistare.
    Resta comunque il fatto che seguo l'evolversi delle case di moda italiane e trovo che alcune di esse siano semplicemente sbalorditive!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo se parliamo di grandi griffe..posso essere d'accordo,ovvio una maglia interamente realizzata in italia senza acrilico e polyestere non puo' costare 10 euro.. ma notavo in molti blog borse che costano migliaia di euro..abbinate a capi di pessima qualita'..un controsenso..sara' trendy, ma a me sembra ridicolo. Non mi riferivo comunque al tuo blog..era solo una lettura in generale di alcuni blog che ho visitato.
      Bacioni, grazie per il commento!

      Elimina
  4. concordo, il made in Italy seppur carissimo è una vera ricchezza! bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non tutti sono carissimi..solo le grandi firme italiane..che alla fine hanno spostato quasi tutte la produzione all'estero..(paghiamo la pubblicita'.)

      Elimina
  5. La mano d'opera italiana e' piu' costosa di quella cinese , turca o tunisina, ma la qualita' e' certamente superiore.Esistono molti brand italiani ancora poco conosciuti che hanno un ottimo rapporto qualita'-prezzo, e diciamocela tutta,i capi si rovinano e non fanno i "pallini" dopo solo 2 o 3 lavaggi :-)
    Se ti interessa piu' avanti ti fornisco nomi di piccole aziende con un prodotto OTTIMO,trendy, e non eccessivamente costoso.
    Bacioni!


    RispondiElimina
  6. Bellissimo post!!Spero che il made in Italy non venga soppiantato da cineserie e roba varia..
    Grazie per il tuo commento sul mio blog!
    The window of Maryfashion

    RispondiElimina
  7. you can't do wrong in my eyes

    RispondiElimina
  8. Ciao Ambra, hai scritto un post davvero molto interessante:) Ero ignara di questi dati e mi piace vedere che Calzedonia, un brand che adoro, si trovi al 5°posto della classifica:) Sono d'accordo con te, cerco anche io di privilegiare il made in Italy e sono sempre alla ricerca di nuovi e accessibili brands:) Brava! Un bacio cara!:*

    RispondiElimina
  9. Ho scoperto Altuzarra da poco e me ne sono innamorata :)
    Grazie per essere passata dal mio blog...io sono diventata una tua follower e se ti va seguimi anche tu

    http://nancymaterialgirl.blogspot.it/

    xoxo Nancy S.

    RispondiElimina
  10. Il Made in Italy è il migliore :) grazie x il tuo commento :)

    http://theglamorouspearl.blogspot.it/2013/01/a-day-in-rome.html#more

    RispondiElimina
  11. Ciao :) Grazie per la tua visita :) Bello questo post, interessante!! Ti va di seguirci a vicenda? Io lo faccio subito, ti aspetto,kiss,Paolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  12. Molto volentieri, a presto Paolo, grazie!

    RispondiElimina
  13. Great blog! I would like to invite you to me :) Let's follow each other =]
    xxx from Spain
    ♥ mydope.net ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dobbiamo salvaguardare le eccelenze del made in Italy !!
      Bellissimo post!

      Jolty

      Elimina
  14. Il mio made in Italy preferito è Max Mara, per quanto riguarda i tubini! Ma anche Savatore Ferragamo ha degli stivali meravigliosi! La Benetton invece è quella più "commerciale" poi ora con i saldi c'è proprio la svendita totale!

    http://anotherearthpink.blogspot.it/

    RispondiElimina
  15. Difendere il made in italy è fondamentale per il nostro paese, la pubblicità di cucinelli non l'avevo ancora vista ma lo sai che quella è civita di bagnoregio?
    Don't Call Me Fashion Blogger
    Facebook
    Bloglovin'

    RispondiElimina
  16. Quanto hai ragione! Però più che di grandi brand made in Italy parlerei dei piccoli artigiani e dell'imprenditoria in generale che per via della crisi ha subito ingenti danni al proprio fatturato. Conosco una marea di artigiani, soprattutto calzolai, che creano pezzi fantastici che però hanno sempre il negozio vuoto! Questo anche per via dell'espansione di marchi low cost come H&M e Zara... la gente punta a spendere meno e spesso non bada alla qualità (fattore forte del made in Italy), spesso si preferisce comprare un prodotto meno duraturo a poco prezzo che spendere un po' di più e portare a casa un articolo che durerà negli anni. E' davvero un peccato!
    Senza considerare tutti i prodotti che vengono spacciati per italiani... ci rubano una buona fetta di mercato! Speriamo che le cose migliorino in questo nuovo anno.
    Comunque ti seguo già da tempo, se ti va passa a trovarmi, a presto!

    Blog: No More Fashion Victims
    Facebook
    Gruppo : blog di moda letterari
    Aiutami ad entrare nella famiglia di Grazia.it


    RispondiElimina
    Risposte
    1. D'accordissimo con te, in questo post ho parlato della potenzialita' del Made in Italy e dei grandi brand italiani in crescita, mentre molti altri settori sono in crisi.Sostengo da sempre i piccoli artigiani, compro esclusivamente borse e scarpe no-name direttamente da artigiani, e mi vesto con capi totalmente made in italy ,ma non per questo troppo costosi o super-griffati.
      Speriamo davvero che le cose cambino!
      Grazie per il tuo commento, a presto Emanuela!

      Elimina
  17. Adoro Armani, Bottega Veneta e Ferragamo. Molto bello questo post!

    Valeria.
    http://myurbanmarket.blogspot.it
    http://www.facebook.com/ValeUrbanMarket

    RispondiElimina
  18. Ciao grazie per essere passata da me!
    Mi piace molto questo post!
    Buona serata!

    superglittering.blogspot.it

    RispondiElimina
  19. Difendere il made in Italy dovrebbe essere sacrosanto, con tutta l'eccellenza di cui disponiamo sarebbe un peccato non farlo ! Bellissimo post

    Alessia
    FACEBOOK
    YOUTUBE
    kiss

    RispondiElimina
  20. bellissimo post.

    buon anno!!


    http://nonsidicepiacere.blogspot.it

    RispondiElimina
  21. Ottima scelta d'immagini per un post così!

    RispondiElimina
  22. Ma lo sai che avevo voglia di fare un post pro-Italia?? Sono stanca di tutte queste cineserie, stanca di vedere negozi e negozietti chiudere schiacciati dalla crisi soppiantati dai negozi "vendo tutto" dei cinesi!
    Io ammetto di acquistare ciò che mi piace, non guardo prima la firma e poi il prodotto, mi piace l'artigianato, mi piace chi crea, mi piace il made in Italy, mi piace il brand sconosciuto come quello noto.
    Ma è con molto rammarico e con certezza che vedo e ho visto tanti italiani andare comunque in Cina o in altri paesi che costano meno da un punto di vista produttivo, per assemblare o acquistare beni da rivendere, incrementando la mancanza di lavoro artigianale o anche industriale. Certo è che se fosse per me i cinesi sarebbero rimasti dove erano...con tutto il rispetto parlando.
    Io ti seguo, grazie per il tuo commento sul mio post...
    LaCrilla
    www.lacrilla.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La delocalizzazione dei grandi brand italiani sicuramente ha inciso sulla crisi, per questo dare la priorita' ai brand aziende che ancora producono in Italia..invece di dare spazio a"cineserie" ed a prodotti di bassa qualita'di molte catene di abbigliamento low cost insediate in Italia.
      Grazie per il commento.
      Baci

      Elimina
  23. bellissimo questo post, hai affrontato un argomento importante anche in relazione ai blog che si "occupano" di moda. Ritengo la moda anche una ricerca, non solo una facile e a volte scontata scappatoia. Concordo sull'idea di sostenere e promuovere il made in italy, ci sono tantissime realtà, come hai detto tu di artigiani, di creativi che dovrebbero essere valorizzate adeguatamente.
    Purtroppo sono proprio queste le aziende che risentono maggiormente di questo fragile mercato del lavoro e non riescono a farsi strada. E' un peccato. Come la ragazza che ha scritto sopra, per quanto mi riguarda la cineserie possono rimanere dove sono.
    Un bacio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovremmo tutti promuovere il Made in Italy..specialmente in un periodo di crisi come questo!
      Grazie del commento.
      Baci

      Elimina
  24. Chapeaux ! bellissimo post. certo noi tutti dovremmo riflettere su questo,il made in italy è un valore inestimabile sia in italia che all'estero, e non è che è meno rilevante nella sua sua patria, ma molte volte il suo prezzo è poco accessibile alla media, e non parlo di calzedonia o benetton...
    L'unica cosa nella quale il mio pensiero discorda dal tuo è quello che io invece sono a favore del mixare il low cost dal hi cost, perchè una donna che magari ha sudato per acquistare un capo costoso perchè per lei è era importante, non vedo perchè non debba rielaborarlo in outfit con capi meno esosi ma pur sempre belli. Fondamentalmente per ognuna di noi la moda è importante, ed ognuna ha il suo stile. Triste invece è come dici tu, non avere la personalità adeguata per avere un proprio stile e doversi uniformare alle altre solo perchè questo o quello va di moda !
    Detto ciò hai una follower in più :-)
    Cristina

    Vieni a vedere il mio nuovo POST
    EIDESIGN GLAMOUR

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono del tutto sfavorevole ad abbinare capi low cost a capi hi cost,se la scelta fosse quella di investire anche in abbigliamento italiano di alta qualita', purtroppo vedo quasi sempre nei blog, abbigliamento di bassa qualita' abbinato ad accessori iper griffati e molto spesso non prodotti in Italia (vedi Louis Vuitton e simili..). Grazie del commento.
      Baci

      Elimina
  25. Ottimo ragionamento, la penso come te.
    Ed w il Made in Italy!
    Buona giornata
    Vale
    Un bijou pour TOUS les jours
    Facebook

    RispondiElimina
  26. Ambra complimenti per questo bellissimo post :)
    Sono molto contenta che tu sia passata da me, quello che dici è interessantissimo e verissimo.
    A Firenze abbiamo una delle più prestigiose scuole di moda (polimoda) quindi ogni tanto si vedono giovani stilisti, progettisti e quant'altro. Mia mamma lavora nell'ambito e ho avuto modo di conoscere alcuni di questi ragazzi e purtroppo...qua in Italia per loro è molto difficile riuscire a "sbocciare" autonomamente. Infatti le grandi case di moda semplicemente li prendono e li inseriscono tra i loro mille giovani stilisti, dove loro tireranno fuori le idee che (magari) verranno anche prodotte ma purtroppo senza il loro nome, per cui è molto difficile slegarsi.
    A parte questo, devo dire che chi riesce sicuramente fa cose di qualità (basta pensare a lazzari per esempio).

    Penso proprio che ti seguirò :)
    A presto!

    RispondiElimina
  27. d'accordissimo, viva il made in italy.....
    I LOVE SHOPPING

    RispondiElimina
  28. D'accordissimo! E per fortuna ci sono tanti giovani creativi che, nonostante le difficoltà, si lanciano con grande coraggio e ambizione (e idee!) in avventure nel mondo della moda, del design, spesso autoproducendo i propri progetti!
    Fa sempre piacere trovare post come questo! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per fortuna..siamo un popolo di creativi, che non si arrende, ma se continua cosi' tutti nostri giovani creativi scapperano all'estero!
      Grazie per il commento.

      Elimina
  29. Ottimo post, concordo con tutto ciò che hai scritto!

    Xoxo

    G.

    http://georgefashiondreamworld.blogspot.it/

    RispondiElimina
  30. Ciao Ambra,
    credo che con le difficoltà del mercato di oggi il brand Made in Italy sia l'unico modo per sopravvivere al resto, in nome della qualità e del design, come elementi che ci contraddistinguono.
    Sono perfettamente d'accordo anche se a volte il portafogli piange...
    Baci

    RispondiElimina
  31. hai ragione, il made in Italy è un valore che dovremmo difendere,
    ma spesso la sola scritta Made in Italy, non è una garanzia ne di tipo qualitativo, ne della provenienza dei capi.
    Purtroppo le grandi e piccole aziende nostrane hanno un po' contribuito alla crescente sfiducia del cliente!

    http://diamantisulsofa.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' il nostro stato che permette questo! Non e' passata una legge che tutelava il "made in italy"..troppi interessi in ballo! Comunque un capo prodotto in Italia si riconosce !
      Baci

      Elimina
  32. Hai fatto bene a fare questo post, è molto interessante (: Reb, xoxo.

    *Nuovo look sul mio blog, fammi sapere cosa ne pensi:
    http://www.toprebel.com/2013/01/calvin-klein-green-jacket.html

    RispondiElimina
  33. ciao appena iscritta!
    ho letto tutto e sono assolutamente d'accordo con te!e questo discorso si potrebbe traslare in ogni altro settore dell'economia italiana.....abbiamo la manifattura e le menti migliori del mondo....ma ci siamo ridotti a lavorare e comprare made in china:-/
    ti aspetto da me se ti va!
    http://ladanzadeisensi.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo che cambi qualcosa..ora siamo veramente alla frutta!
      Baci

      Elimina
  34. Senza ombra di dubbio la qualità degli abiti made in italy è impareggiabile!


    Www.giudittajustfashion.blogspot.it

    RispondiElimina
  35. Quanta verità... basta andare all'estero e vedere quanto le persone apprezzino la creatività e l'artigianalità , non solo nell'alta moda ma anche nelle piccole cose!

    RispondiElimina